I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

HomeOdontoiatriNews Albo Odontoiatri

News Albo Odontoiatri

Gli Stati Generali dell'Odontoiatria saranno la voce univoca della professione.

Siglato il protocollo d'intesa. Renzo (CAO), necessario per essere determinanti

 

Gli Stati generali dell'Odontoiatria, istituiti dalla CAO nazionale come strumento di analisi e dibattito, diventano, anche, strumento di rappresentanza.
"Da oggi c'è un nuovo organo rappresentativo dell'intera professione odontoiatrica, che parlerà ad una sola voce, a nome di tutte le componenti", dice il presidente CAO Giuseppe Renzo.
A sancire ufficialmente la nascita di questo nuovo organismo sono stati, oggi 17 luglio 2015, i rappresentanti della Comunità Accademica Odontoiatrica, per il Collegio dei Docenti il presidente prof. Enrico Gherlone, per il CLOPD la prof.ssa Antonella Polimeni; dei Sindacati, ANDI, con il presidente Gianfranco Prada ed il SUMAI con il segretario organizzativo Pio Attanasi; delle Società Scientifiche, per il CIC il presidente Gianfranco Carnevale, per il COI-AIOG la presidente Maria Grazia Cannarozzo; l'Ufficio Nazionale OMS con la coordinatrice prof.ssa Laura Strohmenger e gli studenti dell'AISO con il presidente Emilio Fiorentino oltre alla CAO nazionale con il presidente Giuseppe Renzo.
Sostenitore, esterno, dell'iniziativa l'ENPAM, presente alla riunione il presidente Alberto Oliveti, ed il Vicepresidente Vicario Giampiero Malagnino. Un sostegno interessato soprattutto sui temi della formazione e degli sbocchi professionali, temi che "influenzano" i bilanci dell'Ente previdenziale di medici e dentisti.
Gli Stati generali dell'Odontoiatria rappresenteranno la professione odontoiatrica "in tutti i suoi ambiti istituzionali, accademici, associativi e sindacali" e di fronte all'opinione pubblica.
L'organismo si riunirà almeno ogni tre mesi, la prossima riunione è già stata fissata per fine settembre.
Di seguito il protocollo d'intesa sottoscritto da tutti i presenti.

 

PROTOCOLLO D'INTESA

Per la costituzione degli Stati Generali dell'Odontoiatria
I rappresentanti della Comunità Accademica Odontoiatrica, delle Associazioni Scientifiche e Professionali in odontoiatria, delle Istituzioni, delle Associazioni Sindacali della Comunità degli studenti in odontoiatria e la Commissione per gli Iscritti all'Albo degli Odontoiatri della FNOMCeO convengono quanto segue:

 

Art. 1
Si costituiscono gli Stati Generali dell'Odontoiatria che rappresentano l'intera professione odontoiatrica in tutti i suoi ambiti istituzionali, accademici, associativi e sindacali allo scopo di portare la voce della professione sia di fronte alle Istituzioni sia di fronte all'opinione pubblica sulle questioni concernenti la promozione della tutela del diritto alla salute dei cittadini quale valore previsto dalla Costituzione (art. 32) e le tematiche afferenti la professione odontoiatrica stessa.

 

Art. 2
I componenti degli Stati Generali dell'Odontoiatria rappresentano congiuntamente e disgiuntamente, previo specifico mandato, gli orientamenti degli Stati Generali stessi nelle varie occasioni ed ambiti in cui vengono discusse le questioni afferenti la professione odontoiatrica.

 

Art. 3
La sede degli Stati generali è costituita presso l'Ufficio Odontoiatri della FNOMCeO in Roma.
Le riunioni degli Stati Generali vengono convocate in questa prima fase di attuazione dal Presidente della Commissione per gli Iscritti all'Albo degli Odontoiatri della FNOMCeO, anche su richiesta dei componenti degli Stati Generali stessi.
La riunione viene convocata senza obbligo di formalità e si svolge generalmente presso l'Ufficio Odontoiatri della FNOMCeO o qualora risultasse opportuno presso qualsiasi altra sede.

 

Art. 4
D'intesa fra tutti i componenti degli Stati Generali si procederà, qualora lo si ritenesse opportuno, a costituire anche formalmente una associazione non riconosciuta ai sensi degli artt. 36 e seguenti del Codice Civile e in tale prospettiva dovrà essere redatto un atto costitutivo ed uno specifico statuto.
Nell'atto costitutivo saranno indicati il rappresentante legale degli Stati Generali, l'Organo di amministrazione dell'associazione e le modalità di nomina degli Organi stessi.

 

Art. 5
Viene costituito un gruppo di lavoro composto da un rappresentante per ciascuna componente degli Stati Generali al fine di dare attuazione a quanto previsto dal presente protocollo.

 


Odontoiatria. Renzo (Cao): "No a nuovo corso a Salerno.

Uno sperpero di milioni per soddisfare interessi della casta universitaria"

Dura presa di posizione del presidente degli odontoiatri contro l’apertura di un nuovo corso presso l’Università campana. “Per soli 10 studenti comporta un costo di oltre 3,2 milioni di euro”. E poi evidenzia: “La vicenda non è unica nel nostro panorama: si pensi che in base al recente decreto del MIUR che ha attribuito i posti per l’accesso ai vari corsi di laurea, ne esistono 21 (su 35) che non superano un contingente di 20 studenti”.

 

 

10 LUG - "Il corso di laurea in odontoiatria a Salerno (recentemente istituito) per soli 10 studenti comporta un costo di oltre 3.200.000,00 euro". Lo dichiara il Presidente della Cao Fnomceo, Giuseppe Renzo: "Un corso di laurea del tutto inutile - sostiene - con uno sperpero di milioni di euro per soddisfare gli interessi della casta universitaria".

E in questo senso il presidente Cao porta all’attenzione alcuni numeri che esemplificano le sue parole. “La recente vicenda che vede l’istituzione di un ennesimo corso di laurea in odontoiatria a Salerno portando il totale a 35 corsi di laurea italiani, non può esimerci da alcune considerazioni certamente negative”.

Renzo evidenzia che “i costi ‘normali’ per formare un odontoiatra, secondo i dati più recenti, oscillano tra i 320.000 e i 360.000 euro considerando i costi a carico delle strutture sanitarie e quelli a carico delle famiglie. Creare, quindi, un corso di laurea per 10 studenti comporta un costo di oltre 3.200.000 euro: è evidente l’assurdità di un simile meccanismo che viola in modo evidente qualsiasi criterio di ottimizzazione delle risorse oltretutto in un periodo difficile come quello che sta vivendo il Paese alle prese con tagli di “qualsiasi genere” e operazioni di spending review”.

“Purtroppo – evidenzia - la vicenda surreale dell’Università salernitana, non è unica nel nostro panorama: si pensi che in base al recente decreto del MIUR che ha attribuito i posti per l’accesso ai vari corsi di laurea, ne esistono 21 (su 35) che non superano un contingente di 20 studenti. Il risultato di questa follia amministrativa-didattica, non consente oltretutto di ridurre, come sarebbe logico, il numero dei corsi di laurea premiando quelle realtà accademiche che hanno le strutture e i mezzi didattici adeguati ad una formazione di alto livello. In sostanza si fa esattamente il contrario di quanto sarebbe logico: tanti corsi di laurea per pochi studenti invece che pochi corsi di laurea (altamente qualificati) per un adeguato numero di studenti”.

“In conclusione – rimarca il presidente Cao - , si spendono tantissime risorse per formare professionisti che poi, stante l’attuale situazione di “pletora odontoiatrica”, saranno spinti a recarsi all’estero ad esercitare l professione. Forse più logica è la politica di altri Paesi che importano il “prodotto finito” assicurandosi un risultato senza alcun onere economico. Più convincente di qualsiasi discorso è l’analisi espressa nell’allegato grafico che fa riferimento al numero dei laureati per corso di laurea in alcuni Paesi dell’Unione Europea. Soltanto Malta ha un numero di laureati inferiore per corso di laurea. E significativa è anche la tabella del numero di corsi di laurea con il relativo rapporto tra laureati e corsi di laurea stessi. Si evidenzia che il privilegio di avere 34 corsi di laurea (ora già diventati 35) è un poco invidiabile record tutto italiano”.





http://www.quotidianosanita.it/lavoro-e-professioni/articolo.php?articolo_id=29739


ENPAM : perché andare a votare

di Giampiero Malagnino – Vicepresidente Vicario ENPAM

Malagnino

Spero che una gran parte dei dentisti italiani domenica 7 giugno dalle 8 alle 21.30 si rechi presso il proprio Ordine provinciale per poter partecipare alla prima, importante elezione di una parte dell’assemblea nazionale e delle consulte della Fondazione Enpam, per una serie di buoni motivi.
Provo a elencarne alcuni, secondo me, più importanti:
– è la prima volta che i contribuenti, suddivisi per categorie, esprimono una loro rappresentanza nell’organismo che elegge il consiglio di amministrazione e, soprattutto, determina le politiche previdenziali, assistenziali e di gestione del patrimonio del più importante ente pensionistico italiano, dopo l’INPS;
– il futuro post lavorativo dipende, soprattutto per i giovani, dalle decisioni che l’assemblea nazionale prenderà;
– più di un miliardo e mezzo di euro dei dentisti, di ognuno di noi, è affidato all’Enpam sotto forma di risparmio previdenziale. La gestione di questo patrimonio, frutto di sacrifici sempre più importanti di tutti i colleghi, sarà controllata dall’assemblea nazionale;
– dovranno essere implementate le politiche assistenziali che dovranno essere decise dall’assemblea. Anche i liberi professionisti hanno diritto a un welfare moderno che li protegga nei momenti di fragilità, causata sia da malattie, infortuni, mancanza di autonomia che per difficoltà di inserimento nel mondo del lavoro, oltre agli aiuti che già oggi ENPAM assicura in caso di calamità naturali o di inabilità assoluta e permanente;
– la consulta della libera professione, quota B del fondo generale, dovrà valutare i bilanci della Fondazione alla luce delle necessità e, perché no, dei desiderata della professione nel territorio. La consulta sarà composta da un rappresentante per regione e provincia autonoma e da un rappresentante nazionale della professione odontoiatrica e uno di quella medica.

Una partecipazione al voto massiccia degli iscritti è importante anche per dimostrare alla politica, al governo che lo sforzo, finora vincente, del CdA di conservare la nostra autonomia decisionale, sia nel decidere gli investimenti che nel fissare le regole previdenziali è un valore assoluto, irrinunciabile.
Per dimostrare al Paese tutto che i dentisti e i medici italiani vogliono decidere da soli della loro pensione e non vogliono correre il rischio di sottostare alle incertezze delle regole dell’INPS e non accetteranno che i loro risparmi siano usati per sanare i buchi dei conti pubblici.
Tutti al voto, quindi, per una odontoiatria sempre più forte e determinante, consapevole della propria forza e delle proprie potenzialità.

Giampiero Malagnino
Vicepresidente Vicario ENPAM


Federazione Nazionale degli Ordini dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri

Comunicato Stampa

De Biasi: “No agli Odontotecnici come Professione Sanitaria”

“Allo stato attuale gli Odontotecnici non sono una professione sanitaria, né c’è la volontà di qualificarli come tali”.

Lo ha affermato la senatrice Emilia Grazia De Biasi, presidente della XII Commissione Igiene e Sanità del Senato, aprendo questa mattina a Roma i lavori dell’Assemblea Nazionale dei Presidenti della Commissione Albo Odontoiatri (Cao).

C’è tutta una gamma di Professioni che possono essere considerate propedeutiche, contigue, ma che non possono essere considerate professioni sanitarie, altrimenti la qualifica perde la sua identità definita e si crea un problema gigantesco per la sicurezza dei pazienti”.

Ma a che punto è la Riforma degli Ordini delle Professioni Sanitarie?

Un anno fa è terminato il lavoro della Commissione Igiene e Sanità, con la decisione di stralciare dal DDL Lorenzin la parte sulla Riforma degli Ordini, per fargli godere di una corsia preferenziale – ha risposto la De Biasi -. In realtà la legge è passata in Commissione Bilancio, dove è stata “sorpassata” da altre questioni, con un procedimento quantomeno irrituale. Il 20 maggio, anche dopo i nostri solleciti, la Commissione Bilancio ha dato parere favorevole. Ora torna in XII Commissione, dove credo che entro luglio ci sarà l’approvazione in sede referente. Per settembre sarà sicuramente calendarizzata in Aula”.

Si tratta di una Legge importante per la Salute pubblica, ha ricordato la Senatrice, perché riguarda non solo il riconoscimento delle professioni e la definizione delle competenze, ma anche l’abusivismo.

I cittadini devono avere la certezza di essere curati da un professionista e in condizioni di qualità. Per questo appoggiamo una revisione in senso fortemente sanzionatorio del reato di abusivismo”.

E la qualità delle cure passa anche attraverso la Formazione, la ridefinizione di funzione medica - che ha una centralità nella squadra composta da tutte le diverse competenze - e anche attraverso la trasparenza delle informazioni e della pubblicità.

Sulla pubblicità sanitaria è necessario aprire un dibattito politico- ha concluso la De Biasi – Bisogna definire parametri precisi e sanzionare le forme illegittime. Ne va del rapporto

di fiducia tra medici, istituzioni e cittadini”.

Siamo molto soddisfatti del fatto che anche la politica accolga le nostre istanze e si accorga dell’importanza e della delicatezza di questioni sulla quale la Cao ha da tempo acceso i riflettori – ha commentato il presidente Cao nazionale, Giuseppe Renzo -. In particolare è un nostro punto d’onore la battaglia contro l’abusivismo: non ci daremo tregua sino a quando non otterremo che sia sanzionato in maniera forte e dissuasiva”.


Pubblicata l'App per smartphone della Commissione Albo Odontoiatri Potenza

Attività, Eventi, News, Feed, Contatti della Commissione Albo Odontoiatri Potenza disponibili in ogni momento sul tuo smartphone!

Scarica l' App dall' Apple Store e da Google Play.


Oral Cancer Day

Quest’anno l’Oral Cancer Day, evento dedicato alla tutela della salute del cittadino, alla prevenzione e all’impegno per dire STOP al tumore del cavo orale, vedrà uniti sullo stesso fronte la Commissione Albo Odontoiatri e la Sezione Provinciale Andi Potenza. Sabato 16 maggio, grazie al lavoro dei volontari e delle sezioni ANDI, saremo infatti in Piazza Mario Pagano con un gazebo ed i materiali informativi. Lo scopo, ancora una volta, sarà quello di incontrare più cittadini possibili per sensibilizzarli su questa importante tematica.

Dai il tuo contributo, come iscritto all' Albo, e partecipa a questa importante manifestazione Cao per dire STOP al cancro della bocca!

 


La radiologia 3D e la tecnologia Cad-Cam nella riabilitazione implanto-protesica

del paziente parzialmente e totalmente edentulo

Corso di aggiornamento organizzato da Andi Potenza

Enpam - Più assistenza per la Libera Professione
 
 
L’Enpam studia la possibilità di modificare il regolamento per le prestazioni assistenziali aggiuntive del Fondo della libera professione.

A seguito dell’ultima riunione della Consulta della “Quota B” gli uffici competenti sono stati incaricati di individuare una soluzione per ampliare la copertura in caso di invalidità temporanea riservata agli oltre 160 mila iscritti al fondo di categoria. In particolare l’ipotesi allo studio è quella di far rientrare la prestazione tra quelle previdenziali, così come già accade per il fondo della medicina generale.

“Questo ci consente di soddisfare le richieste provenienti dalla categoria e ci permette di liberare le risorse ricavate dalla metà della contribuzione derivante dall’aliquota dell’1% pagata da chi supera una certa soglia di reddito - dice il vicepresidente vicario dell’Enpam, Giampiero Malagnino -. L’intenzione è di destinarle a forme alternative di assistenza a beneficio dei giovani medici e odontoiatri”.

Lo studio di fattibilità, la cui conclusione è prevista entro la consiliatura, valuterà le fonti di finanziamento potenziali e le possibili prestazioni da erogare.



Dossier Formativo Individuale
 
 
 
A partire dal 30 giugno 2014 è entrato in vigore il Dossier Formativo Individuale (DFI), cioè lo strumento di programmazione e valutazione del percorso formativo del singolo operatore (individuale) o del gruppo di cui fa parte (equipe o network professionale). Informazioni nel link:
 
 

Pagina Ufficiale della Commissione Albo Odontoiatri su Facebook
 
La Commissione Albo Odontoiatri ha pubblicato la propria pagina "ufficiale" su Facebook all'indirizzo:
 
 
Facebook Cao
 
 
 
Registrati per condividere notizie relative alla attività dell' Ordine, alla Professione e per rimanere in contatto con i colleghi iscritti al nostro Albo.
 

Convenzione Istituto Professionale di Stato "G. Giorgi" e Azienda Sanitaria Locale di Potenza
 
La Commissione Albo Odontoiatri, a seguito della richiesta da parte di alcuni colleghi di indicazioni sulla congruità della convenzione tra l'Istituto Professionale di Stato "Giovanni Giorgi" e l' Azienda Sanitaria Locale di Potenza per il tirocinio formativo curriculare scuola/lavoro degli studenti, protocollata presso l'ufficio dell'Ordine in data 25/02/2015, premesso che si tratta di Delibera del Direttore Generale della Azienda Sanitaria (n°2015/00060 del 3/02/2015) e non di una iniziativa della Commissione, ha partecipato, nella figura del Presidente, all'incontro chiesto dai vertici Aziendali il giorno 2/03/2015, esprimendo con la nota riportata di seguito, a disposizione di quanti volessero leggerla, la propria posizione.
 
 

L'obbligo di un chiarimento

La Commissione Albo Odontoiatri, a seguito delle ingiustificate e ripetute esternazioni del Dr. Maurizio Capuano (Consigliere Cao e del Consiglio dell'Ordine) divulgate via mail e attraverso il social network Facebook, ha deliberato nell'ultima riunione del 10 Marzo u.s. di rispondere "ufficialmente" a tale deprecabile atteggiamento. Ritenendo di non doverci vergognare di nulla, in quanto il nostro comportamento è stato, è e sarà sempre trasparente, lineare e rispettoso di tutti, è stata inviata agli iscritti una nota, condivisa anche dal Presidente dell'Ordine, che riportiamo di seguito per quanti non avessero ricevuto la mail della Commissione.
 

e-mail ufficiali della Commissione Albo Odontoiatri
 
Sono attive le mail ufficiali della Commissione:
 
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
 
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
 
alle quali d'ora in poi potrai fare riferimento per qualsiasi richiesta o informazione.
 

Commissioni di Lavoro
 
La Commissione Albo Odontoiatri, inoltre, al fine consentire la partecipazione alle attività ordinistiche a tutti gli iscritti all'Albo, ha deliberato nell'ultima riunione del 10 Marzo u.s. la costituzione di Gruppi o Commissioni di Lavoro formati da un coordinatore Cao e da altri quattro componenti. I due primi Gruppi che andranno a costituirsi saranno:
 
Commissione Formazione
Sarà costituita dai Segretari Culturali provinciali dei sindacati di categoria Andi (Dr. Giuseppe Reale) e Aio (Dott.ssa Veronica Moscariello) e due rappresentanti degli iscritti all'Albo possibilmente non aderenti a sigle sindacali. Tale Commissione sarà coordinata dal Presidente CAO, o da un suo delegato, ed avrà il compito di proporre ed organizzare eventi culturali e formativi di interesse odontoiatrico.
 
Commissione Doppi Iscritti all'Albo
Anche questa Commissione sarà costituita da quattro componenti individuati per ambiti territoriali e sarà coordinata dal Presidente Cao, o da un suo delegato. Avrà come fine quello di proporre ed organizzare incontri di tipo formativo politematici, di concerto con la analoga Commissione individuata e costituita nel Consiglio dell'Ordine dei Medici.
 
Pertanto, nel caso fossi interessato a partecipare ad uno dei due gruppi di lavoro, ti preghiamo di darcene notizia via mail prima del 14/04/2015.
 
Si precisa che le Commissioni sono uno strumento democratico partecipativo attivo, cioè uno spazio di incontro per tutti i colleghi che desiderano dare il loro contributo per la crescita della categoria professionale di appartenenza. Sono deputate ad accogliere, valutare le proposte progettuali e, con la partecipazione del proponente o dei proponenti, procedere a realizzare e promuovere le attività in oggetto.
 
In futuro comunque, come da programma triennale, ti informeremo su iniziative analoghe inerenti altri ambiti della nostra Professione.
 

Progetto Bifosfonati
 
Confermata la Dott.ssa Veronica Moscariello quale referente del Progetto Bifosfonati coordinato dalla Cao Nazionale.
 

Cerca

Eventi

◄◄
►►
Ottobre 2017
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
1
2
3
4
Nessuna immagine
Potenza, Italia
Auditorium Ospedale SAN CARLO
Data :  04/10/2017
5
6
Rionero In Vulture, Italia
auditorium Cervellino dell'Irccs Crob
Data :  06/10/2017
7
Potenza, Italia
Sala “A” Palazzina degli uffici dell’Ospedale San Carlo
Il corso di aggiornamento è stato accreditato presso la Sezione E.C.M. del Ministero della Salute [...]
Matera, Italia
Palace Hotel
Data :  07/10/2017
8
9
10
11
12
13
14
15
Centro commerciale Polo Acquisti Lucania
Data :  15/10/2017
16
17
18
19
20
21
Potenza, Italia
Sala Convegni "Medici Illustri" dell Ordine dei Medici di Potenza
Data :  21/10/2017
22
23
24
25
26
27
28
Matera, Italia
Sala eventi ex ospedale San Rocco
Data :  28/10/2017
29
30
31

Odontoiatri

Lascia un Messaggio

CAPTCHA

Network